Nuovo sito!
novembre 20, 2013, 11:52 pm
Filed under: Uncategorized

—————————————————————–

Ci siamo trasferiti su 

www.bloccopalermo.altervista.org

—————————————————————–

Annunci


Blocco Studentesco – No al governo dei baroni – mobilitazione nazionale


Flash Mob del Blocco Studentesco al “Gioeni Trabia” (Video)
settembre 27, 2012, 8:52 pm
Filed under: Multimedia, scuole


Flash Mob del Blocco Studentesco al “Gioeni Trabia”

Palermo, 26 settembre – Si è svolto stamattina il flash mob organizzato dai militanti del Blocco Studentesco davanti l’ Istituto Tecnico Trasporti e Logistica “Gioeni Trabia” . “La generazione perduta all’ assalto del futuro” e “Tifiamo rivolta” sono gli slogan che, tra bandiere e fumogeni, i ragazzi del Blocco hanno lanciato contro un governo che ha deciso di non investire sul futuro di una generazione. La protesta ha trovato unanime consenso tra tutti gli studenti dell’ Istituto che hanno manifestato davanti i cancelli della scuola esponendo uno striscione su corso Vittorio Emanuele. “Questa iniziativa si pone come punto di partenza di una mobilitazione generale delle scuole della città” – afferma il responsabile provinciale del Blocco Studentesco Francesco Susinno – “per ribadire un secco no al sistema “tecnico-politico” che vorrebbe declassare anche il nostro futuro”.

Ma la protesta del Blocco non si è limitata solo a Palermo. In più di 20 città italiane da Roma a Milano, passando per Torino, Bologna, Napoli, Lecce e molte altre, si è svolta la giornata di mobilitazione nazionale del Blocco Studentesco per dire “no al Governo dei Baroni”, attraverso cortei, scioperi, occupazioni, blitz, flash mob.”Quella che Monti ha definito la ‘generazione perduta’ – spiega Rolando Mancini, coordinatore nazionale del Blocco Studentesco – oggi ha voluto dimostrare di non essere disposta ad accettare i dettami di un governo illegittimo e al servizio dei poteri forti, di non voler credere che misure come una spending review che colpisce scuole e università, ennesimo atto di distruzione sistemica dello Stato sociale e di perdita di sovranità nazionale, siano nell’interesse del popolo italiano e in particolare dei più giovani. Per questo oggi la ‘generazione perduta’ ha voluto dare il suo ‘assalto al futuro’; un futuro dove non permetteremo l’esistenza di università private riservate a pochi privilegiati, dove la scuola pubblica sarà considerata un punto di forza, dove non ci saranno ministri come Profumo espressione di banche e poteri forti, dove sarà la giovinezza a decidere del proprio destino e non una banda di vecchi prezzolati al servizio della speculazione finaziaria internazionale”.



Per un 2013 All’assalto
settembre 15, 2012, 9:00 pm
Filed under: Multimedia, scuole, volantini



1° TORNEO PES – BLOCCO STUDENTESCO PALERMO
settembre 5, 2012, 8:27 pm
Filed under: scuole | Tag: , , , , , , , ,

Palermo, 5 settembre – Si è concluso ieri il torneo di Playstation “Ne resterà soltanto uno” organizzato dai militanti del Blocco Studentesco Palermo nel quartiere Noce: il torneo si è svolto nelle serate del 3 e 4 settembre con una ventina di partecipanti e altrettante sfide, ma con il premio assicurato ad un solo vincitore. “E’ stata per gli studenti l’ occasione di rivedersi dopo le meritate vacanze estive e terminarle con 2 serate di divertimento prima di gettarsi a capo fitto nella nuova stagione scolastica che li attende – afferma Francesco Susinno, responsabile palermitano del Blocco Studentesco – L’ evento ha avuto una buona riuscita poichè oltre ai partecipanti al torneo, la sede della Noce ha ospitato anche i simpatizzanti del movimento studentesco pronti a dare il proprio contributo per raggiungere gli obbiettivi prefissati per il nuovo anno. La prima edizione del torneo ha visto la premiazione di Giuseppe Azzaro aggiudicatosi il  premio in palio ed il titolo di Campione Estivo; sarà infatti previsto un Torneo di PES per ogni stagione dell’anno, mentre le prossime iniziative presso la sezione palermitana del Blocco Studentesco prevederanno allenamenti nella palestra recentemente costituita, cineforum, riunioni culturali, e corsi di fotografia digitale”. Conclude Francesco Susinno – “E’ il caso di dire che siamo pronti per un nuovo anno all’ assalto!”



Fare Blocco!
ottobre 24, 2011, 4:15 pm
Filed under: Storie | Tag: , , , , , ,

Sono giovani e portano in loro molte scorie della modernità. I loro gusti in fatto di cinema e letteratura e la loro cultura susciterebbero senza dubbio le acide risate dei sepolcri sbiancati dell’intellettualismo rifugiati nelle loro torri d’avorio dalle quali, malgrado la loro magniloquente intelligenza, non riescono a percepire la vicina rovina sotto i colpi violenti della nuova barbarie.

Sono imperfetti, testardi, talvolta un po’ spacconi, ma hanno negli occhi una fiamma che da sola basta per riscaldare le rovine del mondo. E’ quella dell’impegno al servizio di una causa, della fede in un destino e del desiderio di vivere in seno ad una comunità, alla ricerca di un ideale.

Talvolta possono, anche loro, possedere degli Iphone e portare orologi e occhiali di marca, ma ciò’ é secondario, anzi irrisorio, quando si tratta di affrontare un attacco di antifa con armi e caschi, di farsi una terza notte consecutiva ad incollare manifesti, di tenere uno stand 10 ore di fila, di distribuire volantini in mezzo all’odio e all’indifferenza o di andare a prendere in piena notte uno sconosciuto all’aeroporto semplicemente perché risponde al nome di “camerata”…

E quando, nel palazzo che é stato occupato perché delle famiglie precarie ci abitino, assediato da orde cenciose che incitano all’omicidio e al linciaggio e delle quali il capo barbuto, come in un brutto remake di western alla Sergio Leone, ordina di “arrendersi perché sono circondati”, la grossa risata che scappa in quel momento istintivamente e simultaneamente da tutte quelle bocche giovanili, é la grande risata della vita, del coraggio e della fedeltà. E le braccia che si tendono verso il cielo non sono delle provocazioni nostalgiche ma l’indicazione della direzione verso la quale, loro, dirigono i loro sguardi e le loro aspirazioni.

Appena entrati nella vita, hanno conosciuto, ognuno di loro, più’ lotte e più’ prove di 200 borghesi messi insieme durante tutta la loro esistenza. Esperienze e ferite ben più’ reali e concrete, non quelle che si leggono con tremito e deliquio nelle pagine dell’ennesimo libro appoggiato sul comodino. Arresti, processi, delazioni, tradimenti, colpi, minacce, delusioni, notti senza sonno, dubbi, lutti, paura… non hanno avuto bisogno né di Nietzsche né di Cioran per conoscere l’uomo e le grandezze e la sporcizia della natura… Nietzsche e Cioran che leggeranno sicuramente molto presto, perché sono anche avidi di lettura, ma senza mai poter immaginare di sacrificare l’azione al ripiego intellettuale e al suo relativismo disilluso.

Semplicemente perché vogliono cambiare il mondo, cosa che fa ridere di disprezzo gli esteti eterei così’ come i “pragmatici” e i “realisti”, ma che comunque rimane l’unico sogno non solo degno ma semplicemente l’unico da considerare quando si ha 17 anni.

E loro vogliono avere 17 anni per tutta la vita!